Orari di apertura

Dal lunedì al sabato dalle 9.00 alle 20.30
Domenica e Festivi dalle 9.30 alle 20.00

rawpixel-1090849-unsplash.jpg
Pubblicato il 30 Ottobre 2018

Hai già scelto il costume che indosserai la notte del 31 ottobre in occasione di Halloween?

Pur essendo una festività anglosassone, dalle origini celtiche, è ormai diventata celebre in tutti i Paesi europei e non solo.
Infatti fu negli Stati Uniti che, per puri scopi commerciali, assunse le forme di una vera e propria ricorrenza oggi nota ovunque.

Tra le manifestazioni di questa festività, le sfilate di bambini travestiti da fantasmi, streghe e pipistrelli sono senza dubbio le più diffuse. Sicuramente anche tu hai sempre desiderato girare di casa in casa recitando la formula “trick or treat” (dolcetto o scherzetto), ammettilo!

La caratteristica della festa è la simbologia legata al mondo della morte e dell’occulto, di cui la zucca intagliata ne rappresenta l’emblema, derivante dal personaggio di Jack o’ lantern.

L’usanza del travestimento pare derivi dal Medioevo e si rifà alla pratica tardomedievale dell’elemosina, quando la gente povera girava di porta in porta nel giorno di Ognissanti (il 1º novembre) e chiedeva del cibo in cambio di preghiere per i loro morti il giorno della Commemorazione dei defunti, il 2 novembre.

Ma se per noi Halloween è la classica festa dell’horror, a base di zucche e fantasmi, in altri Paesi ci sono tradizioni diverse legate alla notte del 31 ottobre, scopriamole insieme.

STATI UNITI
La versione più nota è quella nordamericana, che però affonda le sue radici in Irlanda, nella festa celtica del Samhein, durante la quale si celebrava la fine della stagione calda e del raccolto e il distacco delle anime dei morti. Oggi questo avvenimento ha assunto semplicemente la finalità del divertimento e del travestimento, con costumi e maschere a tema e tanti dolciumi.

rawpixel-1090849-unsplash.jpg

MESSICO
Nei Paesi del centro e sud America si festeggia El Dia de Los Muertos. In Messico, ad esempio, si usa ripulire le tombe dei defunti adornandole con fiori colorati.

In Europa invece, ci si attiene a manifestazioni più tradizionali. Tornando in Irlanda, ad esempio, si riproducono gli antichi riti celtici, con falò accesi e bambini vestiti in costume. Anche qui al calar del sole si vedono girovagare piccoli mostri alla ricerca del “dolcetto e scherzetto”.

INGHILTERRA
Anche in Inghilterra la tradizione di Halloween è piuttosto antica. In passato si era soliti realizzare i Punkies, dei pupazzetti di barbabietole, e si usava cacciare gli spiriti maligni con delle lanterne create con le rape. Poi si gettavano gli oggetti nei falò con l’intento di spaventare gli spiriti e avere delle predizioni future.

ORIENTE
Nei Paesi Orientali, come in Cina, Malesia, Hong Kong e Singapore, si festeggia il Festival dei Fantasmi Affamati. Secondo le credenze cinesi per due settimane si aprirebbero le inferriate dell’inferno da cui uscirebbero i fantasmi affamati alla ricerca di cibo e vendetta sulla Terra.

ITALIA
In Italia la festa di Halloween si intreccia con la commemorazione dei defunti che trarrebbe le sue origini dai tempi in cui i primi Cristiani, vagabondando per i villaggi, chiedevano un dolce chiamato “pane d’anima”, in cambio di preghiere rivolte ai defunti del donatore. Da questa tradizione sono poi scaturite quelle manifestazioni che tutt’ora si celebrano in ogni regione e che vedono girovagare per le strade di ogni città piccoli fantasmi alla ricerca di dolciumi e caramelle.

Qualunque sia il tuo costume preferito e il tuo festeggiamento ideale, l’importante è munirsi di barrette di cioccolato, caramelle e sfizi, a meno che tu non voglia rischiare di ricevere “lo scherzetto per chi non ha il dolcetto”.
Ti aspettiamo nei nostri negozi!